Infertilità maschile

Infertilità maschile

L’infertilità maschile è più diffusa di quanto si possa pensare. Anche se in generale ci sono meno casi di infertilità di uomini che di donne, questi sono aumentati negli anni in maniera tale che attualmente nel 40-45% dei matrimoni infertili il problema si nasconde nella disfunzione del sistema riproduttivo maschile. Possiamo parlare di problemi di sterilità maschile la coppia non è in grado di concepire in un anno senza usare contraccettivi e avendo avuto una vita sessuale attiva, minimo 3 volte alla settimana.

Infertilità maschile cause

Le cause dell’infertilità maschile si osservano quando ci sono difficoltà a concepire un figlio. Queste complicazioni possono essere relazionate a problemi di salute, ereditarietà, traumi, uno stile di vita poco sano e altri fattori che possono causare infertilità.

Sono causa di infertilità maschile i seguenti fattori:

Infezioni al tratto urogenitale

Varicocele

Aumento della temperatura delo scroto o varicocele

Eiaculazione precoce

Malattie di trasmissione sessuale come la clamidia

Disturbi endocrini

Usare intimo molto attillato o fare bagni molto caldi può  influenzare la quantità di spermatozoi

Stile di vita poco sano: abuso di alcol, tabacco o altre droghe

Anormalità genetiche

Fattori immunologici

Anormalità congenite

Sicuramente va evidenziato che nel 30-40% dei casi di sterilità maschile è difficile conoscerne le cause.

Prova di fertilità maschile

Verificare la qualità seminale è imprescindibile per sapere se esiste o no un problema di fertilità nell’uomo.

Le prove di fertilità maschile raccomandate sono:

Esplorazione fisica da parte di un urologo per scartare l’esistenza di qualsiasi problema

Studi del liquido seminale per vedere che non ci siano problemi nella produzione di sperma

Seminogramma: si analizza la capacità dell’uomo di produrre spermatozoi e la loro qualità. Questa prova permette di analizzare la qualità, quantità e morfologia degli spermatozoi. Se il seminogramma è normale, non si fa nulla. Se è alterato si aspettano 15 giorni per il successivo spermiogramma. Prima di realizzare questa prova è importante che non trascorra più di 1h dal deposito del campione nel recipiente e la sua consegna alla clinica. Inoltre prima di effettuare la prova è necessaria l’astensione sessuale per 3-7 giorni.

Microdelezione del cromosoma Y

nel caso in cui il risultato del seminogramma sia stato di alterazioni importanti, come basso conteggio di spermatozoi,  ad esempio se il paziente ha meno di 5 milioni di spermatozoi, quando la norma è di 15 milioni. In questi casi ciò che si può fare è una prova per valutare se esiste o no una causa genetica della sua infertilità. Questa prova si chiama microdelezione del cromosoma Y. È una prova che permette di fare una diagnosi più accurata. È stato dimostrato che il 10% degli uomini con alterazioni gravi può avere un’alterazione genetica. È considerata una prova molto importante perché permette di evitare procedure chirurgiche e quindi fornisce più informazioni utili per prendere una decisione sul miglior trattamento da seguire.

Infertilità maschile tipi 

Oligospermia

L’infertilità maschile deriva dalla scarsa concentrazione di spermatozoi nel seme. Nei casi di oligospermia ciò che si raccomanda di solito è di avere relazioni sessuali meno spesso in modo da avere una maggiore concentrazione sperma durante l’eiaculazione. Se non si arriva alla fecondazione a causa della scarsità di spermatozoi, una tecnica di riproduzione assistita che può risultare efficace è l’inseminazione artificiale.

Aspermia

Questo caso si deve a un problema di eiaculazione retrograda, ossi il seme non riesce a uscire all’esterno, l’uomo sente come se avesse eiaculato ma il seme non esce. Questo problema deriva da un’ostruzione del condotto seminale.

Azoospermia

Un tipo di infertilità maschile abbastanza frequente: in questo caso non c’è nessuno spermatozoo nel seme e quindi si ha immediatamente la sterilità maschile.

Tipi di azoospermia

Ci sono due tipi di azoospermia:

Azoospermia ostruttiva

In questo caso il testicolo è in grado di produrre sperma, ma il problema è che esiste un’ostruzione dei condotti seminali che impedisce che questo esca e per questo al momento dell’eiaculazione non è presente.

Azoospermia secretoria o secretiva

In questo caso il testicolo non è in grado di produrre sperma. In alcuni casi gli uomini nascono con questo problema e in altri casi appare successivamente.


        Cause dell’azoospermia secretoria

Alterazioni ormonali

Alcune malattie come  como orecchioni o meningite

Problemi ai testicoli

Consumo di certi farmaci come anabolizzanti. 

Trattamenti di chemioterapia o radioterapia

Che trattamenti si realizzano in caso di azoospermia?

In questi casi per avere spermatozoi si usano tre tecniche:


Biopsia testicolare: si realizza una leggera incisione allo scroto per poter ottenere un campione

Aspirazione dell’epididimo: questa tecnica consiste nell’aspirare un liquido che di trova nell’organo situato sopra il testicolo chiamato epididimo. Da questo liquido si estrarranno gli spermatozoi

Aspirazione testicolare: molto simile alla tecnica precedente, in questo caso si aspira il testicolo stesso.
Se nonostante questi trattamenti non si ottiene la fecondazione l’opzione migliore sarebbe ricorrere a donatori di seme.

Oligoastenozoospermia

È la riduzione del numero di spermatozoi e la loro mobilità.

Astenozoospermia

Un tipo di sterilità maschile che si origina percha gli spermatozoi presentano una bassa mobilità, rendendo difficile il raggiungimento dell’ovulo.

Teratozoospermia 

In questo caso esistono spermatozoi anormali che soffrono di anomalie nel collo, coda o testa, quindi non possono fecondare o la gravidanza sarebbe anomala.

Infertilità maschile sintomi

In quanto ai sintomi dell’infertilità maschile, troviamo i seguenti: 

Varicocele o vene varicose nei testicoli: Appaiono varie vene varicose nelle vene responsabili di drenare il dengue dei testicoli. A volte l’uomo può addirittura provare dolore ai testicoli. Il varicocele può ridurre il conteggio dello sperma e causare quindi infertilità.

Bassi livelli di testosterone o ipogonadismo: Il testosterone è l’ormone sessuale principale dell’uomo e hindi quando esiste una deficienza di questo ormone si può avere l’infertilità. Un modo per capire se c’è ipogonadismo è osservare se si verificano alcune di queste situazioni: caduta dei peli del corpo, pelle secca e rugosa, cambiamenti della voce, impotenza, riduzione delle dimensioni dei testicoli, perdita della libido

Infezioni del sistema urinario maschile che causano dolore quando si urina

Infertilità maschile diagnosi

Esaminazione dei testicoli e del pene per scartare possibili anomalie

Seminogramma: si realizza un’analisi per vedere la quantità, mobilità e forma degli spermatozoi. Nelle tecniche di riproduzione assistita questa analisi del seme è imprescindibile affinché tutto il procedimento sia un successo. 

Coltura del seme che permetterà di valutare se ci sono infezioni seminali

Analisi ormonale

Analisi del sangue specifica per scartare la sterilità cromosomica

Ecografia dei testicoli

Biopsia testicolare: si realizza una piccola incisione per estrarre tessuto testicolare e poterlo analizzare

Studio istopatologico: si analizza la capacità del gesticolo di realizzare la propria funzione di produrre spermatozoi.

In che casi è necessario realizzare una biopsia testicolare?

Nei programmi di maternità surrogata si impiantano embrioni che sono stati ottenuti con metodi di fecondazione in vitro e per questi sono necessari campioni di spermatozoi di buona qualità. Se nell’eiaculazione non ci sono spermatozoi (azoospermia) o ce ne sono pochi (oligospermia) è necessario realizzare una biopsia testicolare. Esistono vari tipi di biopsie e la loro scelta dipenderà dalla conclusione del medico:

Il metodo MESA (la aspirazione di spermatozoi dall'epididimo tramite microchirurgia) la quantità del tessuto che si estrae è minima

Il metodo TESE (estrazione degli spermatozoi del testicolo tramite biopsia) che consiste in biopsie multiple di diverse zone testicolari. Solo pochi millilitri cubici di liquido dell’epididimo generano milioni di spermatozoi adatti alla fecondazione, quindi molte volte parte del materiale ottenuto si conserva

Il metodo PESA aspirazione percutanea dell’epididimo) 

Metodo TEFNA (una aspirazione con ago fino di spermatozoi dell’epididimo e del testicolo)

Gli spermatozoi ottenuti in queste biopsie passeranno per una preparazione previa per essere iniettati successivamente nel citoplasma degli ovuli. Dopo gli embrioni  verranno coltivati e poi impiantisti nell’utero della madre surrogata seguendo il protocollo di una normale FIV.

Infertilità maschile trattamento

Oggi esistono vari trattamenti per far fronte al problema dell’infertilità maschile:

farmaci con l’obiettivo di aumentare la produzione di spermatozoi

Interventi chirurgici: soprattutto nel caso di ostruzione delle vie seminali, ciò che si fa è realizzare un’operazione per eliminare questa ostruzione, permettere che gli spermatozoi possano uscire dopo l’eiaculazione ed evitare così problemi di fertilità maschile.

Trattamenti naturali: esistono anche alcuni trattamenti naturali per aumentare la fertilità maschile, come complessi vitaminici, la maca peruviana e la L-carnitina

Per casi di infertilità reversibile è sempre possibile ricorrere alla donazione di sperma.

Trattamenti di riproduzione assistita come:

1 FIV

2 ICSI o iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi. Si tratta di una tecnica simile alla FIV convenzionale, ma in questo caso quello che si fa è iniettare tramite una tecnica complessati speratoli direttamente nell’ovulo.

3 IMSI: Questa tecnica consiste nell’introdurre nell’ovulo uno spermatozoo selezionato precedentemente. IMSI è simile al metodo ICSI, ma in questo procedimento si realizza una selezione più accurata tra gli spermatozoi. Questa tecnica di applica in casi di Teratozoospermia una alterazione che colpisce la qualità del seme, causata perché gli spermatozoi hanno anomalie di collo, coda o testa, quindi non possono fecondare o la gravidanza sarebbe anomala.

Quando si usa la tecnica FIV-ICSI o iniezione intracitoplasmatica?

In caso di malattie infettive gravi

Quando si usano campioni di seme che sono stati congelati in precedenza ad esempio in casi di uomini che abbiano subito chemioterapia. Questo campione ha un tale valore cje si usa questa tecnica affinché le possibilità di successo della fecondazione siano più elevate.

Casi più gravi di infertilità, soprattutto in quelli in cui c’è poca mobilità degli spermatozoi (astenospermia) 

Prevenzione dell’infertilità maschile

Anche se nei casi di infertilità maschile causata da motivi genetici e malattie non si può fare nulla, nel resto dei casi è possibile ridurre le probabilità:

usare intimo più largo

Avere uno stile di vita più sano senza abusare di alcol, tabacco e altre droghe

Usare protezione, evitando così il contagio di malattie

Evitare l’esposizione frequente a bagni caldi o saune




russia-canada-it.jpg

russia-usa-it.jpg