Fecondazione in vitro nella maternità surrogata

Fecondazione in vitro nella maternità surrogata

La fecondazione in vitro o fertilizzazione in vitro è una tecnica di procreazione assistita che si esegue in caso di problemi di infertilità maschile o sterilità femminile e il cui fine è fecondare un ovulo e uno spermatozoo fuori dall’utero materno, in laboratorio. Una volta ottenuto il o gli embrioni, il medico o tecnico li trasferisce direttamente nell’utero, per tentare di ottenere una gravidanza in vitro. La possibilità di successo della fecondazione in vitro dipenderà da molti fattori, come le caratteristiche di ogni coppia, l’età della donna, ecc.

In caso di FIV nella maternità surrogata il processo sarà esattamente uguale, l’unica differenza è che il trasferimento embrionale si farà nell’utero della madre portante. La FIV è la tecnica di fecondazione assistita che si effettua nella maternità surrogata gestazionale, la più diffusa attualmente, anche se in alcuni casi si ricorre all’inseminazione artificiale.

Inseminazione artificiale nella maternità surrogata

L’inseminazione artificiale è una tecnica di fecondazione assistita nella quale si introduce lo sperma, precedentemente preparato in laboratorio, nella vagina della donna attraverso strumenti meccanici. L’inseminazione artificiale è una tecnica di fecondazione assistita che si effettua nella maternità surrogata tradizionale, ma oggigiorno è usata pochissimo.

Procedura di inseminazione artificiale nella maternità surrogata

  • Si effettua una diagnosi iniziale
  • Si programma la stimolazione ovarica
  • Si realizza il controllo endometriale per determinare il momento idoneo per effettuare l’Inseminazione Artificiale
  • In laboratorio si effettua una capacitazione spermatica attraverso la quale si selezionerà il seme di qualità migliore
  • Una volta arrivato il momento idoneo il seme del padre biologico o donante viene introdotto nell’utero della donna affinché gli spermatozoi possano salire fino alle tube di Falloppio e fecondare l’ovulo per dar vita all’embrione.



russia-canada-it.jpg