Gravidanza surrogata

Gravidanza surrogata: Come funziona?

pregnancy

Gravidanza surrogata significato

La gravidanza surrogata dal punto di vista biologico è come un parto normale, il cesareo si realizza solo nel caso in cui la situazione lo richieda e sempre sotto prescrizione medica. L’aspirante madre può essere presente durante la nascita e le cure al neonato, anche se la presenza durante il parto è qualcosa che ogni coppia discute con la propria mamma surrogata e anche avendo chiarito l’argomento, quando arriva il momento del parto le cose possono cambiare. Inoltre si deve menzionare che si devono fare alcuni esami del sangue ai genitori biologici e controllare che non abbiano malattie veneree (HIV, sifilide ed epatite B o C) per la sua sicurezza. Si deve sempre ricordare che in questi momenti il benessere della surrogata e del bebè sono la cosa più importante.

La gravidanza surrogata ha un tasso di successo elevatissimo, infatti le statistiche di gravidanza surrogata sono migliori del 28-30% rispetto alle gravidanze naturali, dal momento che le madri gestanti sono donne scelte appositamente per dare alla luce e godono di buona salute, hanno una buona costituzione fisica ed esperienza, avendo già dato alla luce un bebè e quindi sanno come comportarsi durante il parto.

Ci sono casi in cui la madre biologica viene preparata in modo artificiale con l’aiuto di farmaci per realizzare l’allattamento del neonato, che consiste in ciò che si conosce con il nome di lattazione indotta, anche se è qualcosa di poco abituale. Dopo il parto gli specialisti preparano tutta la documentazione necessaria per l’iscrizione del neonato al registro Civile. Il giorno successivo al parto naturale la madre in affitto scrive un documento nel quale trasferisce tutti i diritti legali ai genitori biologici. Se il parto avviene per cesareo, può volerci un po’ più di tempo poiché si devono aspettare alcuni giorni affinché la gestante si rimetta per realizzare il processo.

Gravidanza surrogata i controlli medici imprescindibili

I controlli medici della madre surrogata sono di vitale importanza, dal momento che da ciò dipende il successo o no di tutto il programma di surrogazione. è molto importante che vi assicuriate che le analisi mediche vengano eseguite correttamente, tanto in agenzia come in clinica di riproduzione assistita nel paese di origine.

Controlli medici della madre gestante prima della gravidanza surrogata

Prima di tutto è imprescindibile che la futura mamma surrogata passi un controllo medico e psicologico esaustivo, col fine di scartare malattie gravi o problemi associati alla gravidanza, come la toxoplasmosi. Inoltre, è importante che uno psicologo analizzi minuziosamente le sue abitudini e lo stile di vita, così come le motivazioni per intraprendere il processo. Questa parte del processo di gestazione surrogata, anche se a volte non le si dia molta importanza, a LifeBridge Agency la consideriamo vitale. Sono le fondamenta, che devono essere ben solide per evitare possibili contrattempi.

La madre sostituta per poter essere selezionata deve superare un test psicologico, effettuato da un professionista, in modo che sia chiaro che è una persona stabile, di cui fidarsi e responsabile.

Una volta superate con successo tutte le prove, la madre in affitto deve firmare volontariamente il contratto, determinando le responsabilità e il proprio ruolo nella gravidanza. È importante che tutto venga definito in questo contratto, per evitare in seguito contrattempi.

Controlli medici della madre gestante durante la gravidanza surrogata

Durante la gravidanza della madre surrogata dobbiamo differenziare due fasi importanti:

  1. Durante le prime 12 settimane, sarà la clinica di riproduzione assistita a incaricarsi di realizzare tutti i controlli medici della gestante (analisi del sangue, ultrasuoni…). È un momento delicato, che si deve coordinare correttamente con i farmaci, specialmente progesteroni ed estrogeni.

  2. Una volta superati i primi 3 mesi, si considera che si sia superata la fase critica e il pericolo di aborto spontaneo diminuisce moltissimo. Per questo il controllo della gravidanza passa al ginecologo o medico che normalmente visita la madre gestante, dal momento che il ruolo della clinica di riproduzione assistita perde importanza.

A questo punto, le differenze tra Paesi sono enormi, poiché dipende in grande misura dal sistema sanitario di Paese per poter valutare le migliori opzioni tanto per la madre gestante, il futuro bebè e gli aspiranti genitori. Perciò serve una buona consulenza previa da parte dell’agenzia di maternità surrogata di ogni Paese di destinazione!





russia-canada-it.jpg